In offerta!

Il diario di mamma Teresa

16,00 13,60

di SILVIA PASCALE
2020, pp. ***
Collana: Le nostre guerre
Genere: Testimonianze Guerra

Silvia Pascale vive a Treviso, è docente e studiosa di storia. Dal 2011 si occupa di storia contemporanea, in particolare delle questioni legate al genocidio armeno, ai campi di concentramento e alla vicenda degli Internati Militari Italiani (IMI). Con CIESSE Edizioni ha pubblicato “Come stelle nel cielo – In viaggio tra i Lager” (2017), “Una candela illumina il Lager” (2018), “Fiori dal Lager” (2019), “Guareschi e il Natale nel Lager” (2020). Prossimamente “Il diario di mamma Teresa” (2020).

Svuota
COD: Pascale-4 Categorie: , Tag: , ,

Descrizione

Il figlio di Teresa era uno dei tanti IMI (Internati Militari Italiani), soldati che dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 furono deportati nei territori del Terzo Reich e condannati a lavorare nei Lager nazisti per non aver aderito alla Repubblica di Salò e a Hitler.

Quando mamma Teresa viene a sapere della morte del figlio, impazzisce per il dolore, ma la sofferenza più grande è quella di non conoscere il luogo dove è stato sepolto. La madre impiega ben cinque anni per ottenere i documenti per l’estero, eppure il suo calvario è solo all’inizio. Da Bova di Marrara (Ferrara) arriva in Germania, da sola, senza sapere una parola di tedesco e con pochissimi soldi. Il viaggio è lungo e tortuoso, e Teresa lo racconta in un diario, che è una testimonianza unica ed eccezionale. Quello stesso diario che ora, tramite i suoi familiari, è arrivato nelle mani dell’autrice che ne eredita così le memorie.

“In segno di memoria del povero mio figlio e di ciò che ha fatto la sua mamma, perché solo una mamma può far questo per un figlio. E io l’ho fatto con tanto amore.”

(Tratto dal diario di mamma Teresa Mascellani Zerbini).


Questo libro conta sul patrocinio di:

ANEI, Ass.ne Nazionale, Ex Internati – Roma

Ambasciata della Repubblica Federale di Germania – Roma

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il diario di mamma Teresa”