Acque letali

5,0016,00

di CARLO CARERE e GIAN GIUSEPPE RUZZU
2012, pp. 272
Collana: Black & Yellow, Genere: Thriller

Carlo Carere, laureato in Giurisprudenza e Scienze della Sicurezza, è stato per dodici anni ufficiale dell’Arma dei Carabinieri. Si è congedato col grado di Capitano nel 2005. Diventato attore e sceneggiatore, ha lavorato come attore in diverse fiction televisive, tra cui Don Matteo 6 ed ora lavora a Los Angeles.

Gian Giuseppe Ruzzu, laureato in Giurisprudenza e Scienze Politiche è Maggiore dei Carabinieri. Svolge attualmente servizio al Comando Legione cc “Sardegna”, dopo aver lavorato presso le compagnie e i nuclei investigativi di Treviglio, Nuoro, Quartu Sant’elena e Roma.

Svuota

Descrizione

Un terremoto distrugge una grande quantità di scorie radioattive occultate illegalmente in un terreno del Sud Italia. Le conseguenze potrebbero essere devastanti poiché l’acquedotto di una vicina cittadina verrà a breve contaminato. Nessuno ne è al corrente tranne un giornalista ed un’epidemiologa i quali, nel tentativo di far luce sull’evento, diventano il target di una spietata organizzazione dedita al traffico di scorie, pronta a tutto pur di mantenere la vicenda segreta. Soli contro tutti e braccati dai trafficanti, i due protagonisti sono costretti ad indagare autonomamente, arrischiandosi in una corsa contro il tempo dall’esito della quale dipenderà la loro vita e quella di decine di migliaia di persone. “Acque Letali” è un avvincente thriller che si ispira a fatti veri, emersi in inchieste giudiziarie e parlamentari su decenni di smaltimenti illeciti di scorie radioattive. A causa di pressioni, depistaggi e oscure minacce, sfociate nella morte della giornalista Ilaria alpi e del capitano della Guardia Costiera Natale De Grazia, nessuna di tali inchieste è mai giunta a conclusione. E la letale mole di scorie seppellite nei mari e nelle terre di tutta Italia, giace ancora lì sotto.

Informazioni aggiuntive

Versione:

eBook, Volume

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Acque letali”