Le parole non dormono mai

4,0016,00

di GIANNI FONTANA
2013, pp. 224
Collana: Black & Yellow, Genere: Giallo

Gianni Fontana è nato in provincia di Torino il 7 aprile 1951.Laureato in Psicologia Sociale, ha insegnato nei corsi di lingua italiana per stranieri. Come giornalista ha collaborato con diversi settimanali locali, ha diretto il periodico “Il giornale del comune”, il mensile “Oltre” e, da responsabile delle relazioni esterne, ha collaborato con alcune aziende della cintura torinese. Attualmente lavora come consulente di comunicazione ed organizzazione aziendale.

In questi ultimi anni ha pubblicato per la CIESSE Edizioni “Le parole non dormono mai” e “Miro abita qui“; per la Golem Edizioni “Figli di Vanni”, scritto a quattro mani con Maurizio Blini.

Svuota
COD: Fontana-1 Categoria: Tag: ,

Descrizione

Dopo anni di tranquillo e noioso tran tran, la notte di Capodanno Diego Morra si trova ad affrontare una situazione problematica. Alla ricerca di appigli che mettano al riparo la reputazione di una storica società di vigilanza, chiamata in causa per due omicidi, il giornalista s’immerge sempre più nelle parole e nelle vite altrui, riscoprendo il piacere di “essere sulla notizia”. Dopo un’intensa settimana fatta d’incontri, di schermaglie verbali e di risultati deludenti la vicenda sembra però destinata a finire su un binario morto anche perché il nome del carnefice è occultato in una frase che improvvisamente cambia colore, quasi fosse un gioco di parole. Sezionare la frase, significa trovare il bandolo della matassa e da lì partire per ricostruire una storia malata tra un uomo e una donna ancora una volta dissimulata, per gioco, in un’altra parola.

Ovviamente c’è la via d’uscita, ma si troverà soltanto quando si sarà acquietata l’ansia sottile dei rimandi fra i significanti, risvegliata da un indovinello per ragazzi, per poi coinvolgere Alessandro Manzoni e la Scapigliatura lombarda. Perché le parole sono pietre, ma a volte dei palloncini colorati.

Informazioni aggiuntive

Versione:

eBook, Volume

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le parole non dormono mai”